sabato, giugno 10, 2006

 

Il giornalismo dei particolari

Io vorrei sapere: chi sono quegli sparapanzane che si lamentano del giornalismo attuale, al grido "Non ci sono più i giornalisti di una volta!"? Il giornalismo odierno è molto più ricco di particolari e di dettagli che il pubblico ha il diritto di conoscere e il giornalista ha il dovere di riportare.

Ad esempio, quando la povera Lady Diana era ancora viva, avevamo il grande privilegio di conoscere per filo e per segno tutte le cornificazioni che Carlo e Diana si scambiavano l'un l'altra. Sapevamo anche che Lady Diana aveva decisamente più buon gusto (almeno dal punto di vista estetico) rispetto a Carlo, che sbavava e sbava dietro a Camilla Parker-Bowles, che magari è una bravissima donna, che però è stata decisamente trascurata da Madre Natura. Di quelle relazioni, sappiamo ormai tutti i particolari, mancano solo le illustrazioni degli incontri amorosi, ma sono fiducioso che col tempo arriveranno anche quelle.

Comunque, a me fanno impazzire i resoconti delle giornate trascorse dai cosidetti VIPs in visita in certe cittadine, con resoconti che fanno più o meno così:


"La famosa attrice Jolanda (nome di fantasia) è arrivata accompagnata dal suo seguito: le guardie del corpo, la parrucchiera, la truccatrice, la segretaria, l'agente, il portavoce, l'addetto alla raccolta delle cartacce che Jolanda getta per terra con noncuranza, l'addetto al cambio dei tacchi che si possono accidentalmente rompere, ecc... La divina ha salutato brevemente i suoi fans rivolgendo loro solo brevi sorrisi, un po' irritata dal fatto che i suoi collaboratori fossero più numerosi dei fans.
Arrivata all'Hilton, dove aveva riservato una suite imperiale da 400mq, si è subito lamentata del rosso un po' slavato del tappeto, ed ha preteso un succo di frutta con il 30% di maracuja, il 20% di avocado, il 26% di papaja, il 21% di carambola e il 3% di cachi. E' stato uno spettacolo piuttosto divertente vedere i dipendenti dell'albergo che con espressione disperata cercavano i vari frutti per accontentare i capricci della star.
Arrivata in suite, Jolanda ha chiesto di rimanere sola per concentrarsi. Infatti, era convinta che la cura a base di Activia consigliatale dall'amica Alessia Marcuzzi stesse per fare il suo effetto, ma dopo un quarto d'ora di tentativi, si è dovuta arrendere all'evidenza della sua irregolarità intestinale.
In suite, sentendosi sola, Jolanda ha chiesto alla direzione di poter "usufruire" di un dipendente dell'albergo che aveva adocchiato in precedenza. Purtroppo, l'uomo era al mercato rionale dov'era riuscito a trovare un banchetto che vendeva maracuja, cachi e papaja, ed è dovuto rientrare in gran fretta per alleviare la solitudine di Jolanda, ma, vista la concitazione, ha decisamente mancato di efficacia.
Tutti questi contrattempi, hanno messo decisamente di malumore Jolanda, che si è voluta rifare al ristorante dell'albergo. Invece di consumare il solito riso in bianco seguito dalla solita insalatina scondita, Jolanda ha consumato nell'ordine:
Questa cena costringerà Jolanda ad una dieta ferrea per tutto il prossimo mese, ma i suoi collaboratori, almeno per una sera, hanno potuto tirare un sospiro di sollievo: in genere, dopo una mangiata del genere, Jolanda smette almeno per qualche ora i panni della carogna insopportabile."


Ecco, questo è il giornalismo che io apprezzo!!!

2 Comments |

Links to this post:

Crea un link



<< Home

This page is powered by Blogger. Isn't yours?